La pandemia causata dal COVID-19 ha colpito gli investimenti diretti esteri (IDE) in tutto il mondo. Nel 2020, gli investitori erano interessati a come è stata gestita la pandemia nei paesi di destinazione, oltre alla stabilità sociale e politica, all’offerta di lavoro e alla competitività dei costi. In Romania, la diminuzione degli IDE è stata significativa, ma le capacità della Romania nel settore IT, i progetti di logistica e i progetti di sviluppo del commercio al dettaglio hanno attirato investitori, registrando 57 progetti nel 2020, che hanno generato quasi 2000 nuovi posti di lavoro.

  • Il 66% degli investitori prevede di avviare o espandere le proprie operazioni in Romania nei prossimi 12 mesi (al di sopra della media europea del 41%), rispetto a solo il 27% nel 2020.
  • Bucarest, Cluj-Napoca, Timisoara, Brasov e Iasi, le destinazioni più attraenti della Romania per gli investimenti esteri
  • Infrastrutture, strategia di gestione delle crisi e livello di adozione della tecnologia, i principali fattori perseguiti dagli investitori

La Romania ha registrato la più alta crescita del PIL dell’Unione Europea nel primo trimestre del 2021, ma la sfida non è ancora vinta. La pandemia ha avuto un forte impatto sulle tendenze economiche globali, causando cambiamenti nei piani di investimento e modificando i fattori che i leader aziendali prendono in considerazione nella valutazione delle destinazioni di investimento.

Opinione degli investitori

La maggior parte degli investitori intervistati (75%) ha affermato che i propri piani di investimento per il 2021 non saranno più interessati dalla pandemia di COVID-19, mentre solo il 5% ritiene che i propri investimenti siano ancora colpiti dalla pandemia. In confronto, nel 2020, il 43% degli investitori ha dichiarato di essere stato influenzato dalla risposta locale alla pandemia. Il ruolo centrale di questa crisi è in costante diminuzione e l’attenzione si sposta sui cambiamenti strutturali avvenuti, nonché sui nuovi fattori che prevalgono nel processo decisionale di investimento.

Nei prossimi 12 mesi, il 66% degli investitori intervistati prevede di avviare o espandere le proprie operazioni in Romania (superiore alla media europea del 41%), rispetto a solo il 27% nel 2020. Infrastrutture (52%), strategia di gestione delle crisi (48 %), nonché il livello generale di adozione della tecnologia (30%) sono indicati come i principali fattori perseguiti dagli investitori nell’analisi della possibilità di investire in Romania.

A lungo termine, il 41% degli investitori ritiene che l’attrattiva della Romania aumenterà dopo la pandemia e le priorità principali dovrebbero essere: sostenere le PMI (36%), incoraggiare politiche e atteggiamenti di protezione ambientale (33%) e aumentare la qualità del prodotto e l’aggiunta valore dei servizi (31%).

Investimenti diretti esteri in Romania durante la pandemia causata dal COVID-19

Nel 2020, in linea con il mercato europeo in generale, il settore del software e dei servizi IT in Romania ha attratto il maggior numero di progetti IDE, con una quota di mercato del 32%. Al secondo posto si collocano i settori all’ingrosso, al dettaglio e della distribuzione, con una quota di mercato del 18%. Il settore che ha generato il maggior numero di posti di lavoro (1000), al terzo posto, è l’industria elettronica.

Le grandi città attirano più investimenti e la logistica è un’opportunità di crescita

Cinque grandi città (Bucarest, Cluj-Napoca, Timisoara, Brasov, Iasi) rappresentano la destinazione di quasi il 70% di tutti i progetti IDE del 2021, il che dimostra chiaramente la preferenza degli investitori stranieri per località grandi e sviluppate.

In termini di tipi di progetti di investimento, la logistica domina l’arena degli IDE, rappresentando quasi un terzo dei progetti annunciati per il 2021. I progetti di vendita e marketing sono al secondo posto e, sorprendentemente, al terzo posto ci sono i progetti di ricerca e sviluppo. Quest’ultimo tipo di attività dimostra un nuovo interesse da parte degli investitori stranieri in questo campo, dato che la Romania non ha attratto molti progetti di ricerca e sviluppo negli anni precedenti.

Le regioni più attraenti per gli investimenti

Bucarest è stata la principale destinazione per gli IDE in Romania per più di un decennio. Tuttavia, le intenzioni di investimento indicate nell’indagine mostrano un nuovo interesse per altre regioni, in particolare la regione occidentale della Romania, nonché la regione sud-orientale della Muntenia. La parte nord-orientale della Romania non ha compiuto progressi significativi sugli IDE, principalmente a causa della mancanza di infrastrutture adeguate.